Information

Nuovo polo scolastico a Monasterolo (BG)

(con ing. Davide Bernardi, ing. Piero Scandaluzzi e ing. Giorgio Borré).


Concorso d'idee.

Il progetto per il Centro didattico e ricreativo di Monasterolo del Castello si propone

innanzi tutto di rispettare il più possibile le esigenze espresse dall’ente banditore, ed in particolare:

 

- gli obiettivi strategici in termine di destinazioni d’uso degli edifici;

- l’inserimento nell’ambiente ed il rispetto delle linee guida del  piano particolareggiato del parco lacuale ed ecologico;

- la connessione con le strutture pubbliche esistenti.

L’edificio scolastico, disposto su due piani, è costituito da due corpi paralleli e da un corpo di collegamento trasversale. La struttura della costruzione si basa principalmente su un telaio in cemento armato chiuso da muri pesanti (che fungono da accumulatori) e su un telaio in acciaio che porta la vetrata a vetro singolo (serra). Le coperture degli edifici in progetto sono realizzate in lastre di rame curvate e proseguono con aggetti che creano zone coperte delimitate da colonne in acciaio che come un canneto circondano il pontile del lago. L’intento delle coperture con andamento ondulato è quello, nell’ottica del minimo impatto visivo nei confronti delle abitazioni poste nelle vicinanze, di simulare le onde del lago. Opportune aperture lungo la vetrata creano un effetto camino in modo che l’aria, entrando dal basso ed uscendo dall’alto, asporti l’aria calda e consenta la ventilazione naturale degli ambienti. Gli spessi muri interni costituiscono un sistema di captazione delle radiazioni solari. Questi accumulatori permettono di preriscaldare l’aria fredda in entrata durante l’inverno. La serra assume anche un carattere di collegamento tra gli ambienti chiusi dell’edificio scolastico con gli elementi naturali presenti nelle zone circostanti del parco lacuale; attraverso un’estensione delle serra al piano terra avviene infatti il transito dal laboratorio ambientale interno alle aree esterne dedicate, fino al collegamento con i percorsi pedonali preesistenti nel parco.L’edificio scolastico prevede, come richiesto dal bando di concorso, la realizzazione degli ambienti necessari per la normale svolgimento delle attività scolastiche ponendo particolare attenzione alla fruibilità degli ambienti da parte dei portatori di handicap (presenza di ascensore e di aule, laboratori e mensa al piano terra). Gli spazi dedicati alla biblioteca, all’informatica e alla multimedialità, in considerazione della stretta connessione tra gli argomenti, sono pensati con partizioni “permeabili”. In collegamento protetto con l’edificio scolastico il progetto prevede la realizzazione di una palestra idonea a molteplici attività sportive quali pallavolo, calcetto, basket e tennis. L’accesso alle capienti tribune (600 posti a sedere) avviene per mezzo di una passerella raggiungibile dall’atrio di ingresso e che consente di salire al livello delle tribune osservando dall’alto il campo da gioco. Tutti gli accessi alle tribune e agli spogliatoi sono possibili sia dalla zona parco giochi (per un’utenza esterna) sia dalla scuola (per un’utenza scolastica) e sono accessibili ai disabili. In diretta relazione con la palestra viene realizzato un locale idoneo ad ospitare un esercizio pubblico con adeguate pertinenze. L’edificio palestra presenta una copertura realizzata in legno lamellare rivestita anch’essa con lastre curvate in rame. L’edificio risulta parzialmente interrato al fine di salvaguardare la prospettiva visiva verso il lago delle esistenti abitazioni. Il progetto si completa con la realizzazione dell’area feste e sagre che si caratterizza per affinità formale con gli edifici scolastici e sportivi previsti. Il ricorso alla copertura in rame ondulata rappresenta la forte integrazione di quest’area con le restanti preservando allo stesso tempo il carattere di indipendenza dal punto di vista della fruibilità e accessibilità. Anche gli edifici pensati per le associazioni si integrano nel “villaggio” ricreativo caratterizzato da ambienti funzionali e “attraversati” dal paesaggio lacuale.

Questo sito potrebbe utilizzare i cookies per misurarne il livello di utilizzo e migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul nostro sito web l'utente accetta ed acconsente all' utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information